Ernie discali

L’ernia del disco è una condizione medica che colpisce la colonna vertebrale in cui una lacerazione nell’anello esterno fibroso di un disco intervertebrale consente alla porzione morbida e centrale di sporgersi oltre gli anelli esterni danneggiati. L’ernia del disco è solitamente dovuta alla degenerazione correlata all’età dell’anello esterno, nota come anulus fibrosus, sebbene siano implicati anche traumi, lesioni da sollevamento o tensioni. Le protrusioni sono spesso postero-laterali a causa della presenza del legamento longitudin
ale posteriore nel canale spinale. Questa apertura nell’anello del disco può comportare il rilascio di sostanze chimiche che facilitano l’infiammazione la quale è implicata nella genesi di un forte dolore anche in assenza di compressione della radice nervosa.

 

Esempio di compressione di una compressione radicolare prodotta da una protrusione discale.

Le ernie del disco sono normalmente un’evoluzione di una protrusione discale precedentemente esistente, condizione in cui gli strati più esterni dell’anulus fibroso sono ancora intatti ma possono sporgere quando il d

isco è sotto pressione.

La maggior parte delle ernie “minori” guariscono entro alcune settimane e la terapia antalgica come la FKT sono generalmente efficaci. Le ernie gravi possono non guarire da sole e possono richiedere un intervento chirurgico anche perché la compressione continua del

la radice nervosa o degli elementi intradurali può essere fonte di neuropatie persistenti e non recuperabili.

Sebbene molte ernie discali “minori” guariscano spontaneamente con un trattamento conservativo, spesso le ernie del disco richiedono un intervento chirurgico correttivo. Uno degli obiettivi principali della chirurgia è rimuovere la pressione o ridurre la compressione meccanica su un elemento neurale: il midollo spinale o una radice nervosa. Ma è sempre più riconosciuto che il mal di schiena, piuttosto che essere unicamente dovuto alla compressione, potrebbe anche essere dovuto a un’infiammazione chimica. Ci sono prove che indicano un mediatore infiammatorio specifico di questo dolore. Questa molecola infiammatoria, chiamata tumor necrosis factor-alfa (TNF), viene rilasciata non solo dall’e

 

rnia del disco, ma anche in caso di rottura del disco (strappo anulare), da faccette articolari e da stenosi spinale. Oltre a causare dolore e infiammazione, il TNF può anche contribuire alla degenerazione del disco.

La maggior parte dei casi di ernia del disco spinale si verifica nella regione lombare (95% in L4-L5 o L5-S1). [22] Il secondo sito più comune è la regione cervicale (C5-C6, C6-C7). La regione toracica rappresenta solo dallo 0,15% al ​​4,0% dei casi. Le ernie di solito si manifestano posterolateralmente, dove l’anulus fibrosus è relativamente sottile e non è rinforzato dal legamento longitudinale posteriore o anteriore. Nel midollo spinale cervicale, un’ernia posterolaterale sintomatica tra due vertebre inciderà sul nervo che esce dal canale spinale tra quelle due vertebre su quel lato.

A seconda della dimensione e della ripercussione clinica dell’erniazione, si potranno fornire le indicazioni per la gestione del problema.